mercoledì 17 gennaio 2018

Visitatore num. :47942


Origine e sviluppo


Accanto alla fondazione degli ordini dei frati minori e delle clarisse, san Francesco d'Assisi si premurò di redigere delle istruzioni per i laici che intendevano partecipare della vita e della spiritualità del suo ordine e che andarono a costituire il Terzo ordine di San Francesco (TOF), detto anche Ordine francescano della penitenza.


Accanto ai penitenti che decisero di rimanere nel mondo, già dal 1211 nacquero spontaneamente delle comunità di terziari, desiderosi di un impegno maggiore verso la pratica dei consigli evangelici: il Terzo ordine di San Francesco si divise così in Terzo ordine secolare (abbreviato in TOS, chiamato dal 1978 Ordine francescano secolare, OFS) e in Terzo ordine regolare (TOR).


Il fenomeno si amplia rapidamente, coinvolgendo migliaia di persone. Francesco accoglie tanta gente assetata di vangelo e, fin dal 1215, propone un forma di vita. Videro così la luce la Prima lettera ai fedeli penitenti (1215), la Seconda lettera ai fedeli penitenti ed il Memoriale propositi o Regola antica (1221).


Alcune donne più devote scelgono di vivere in fraternità per meglio attendere alla preghiera e alla contemplazione. I nostri monasteri si inseriscono in questa lunga tradizione claustrale e contemplativa, che si ispira alla testimonianza evangelica di san Francesco.


Il nostro monastero, come quello di Montello (www.francescanetormontello.it) in diocesi di Bergamo, è frutto di una emanazione e desiderio missionario maturato e realizzato dalla comunità claustrale del monastero di Zogno, che ha avuto i suoi umili inizi da tre sorelle "penitenti di S. Francesco", Giovanna, Barbara e Cecilia Della Chiesa, verso il 1650.


Negli anni 1980 ci furono richieste di fondazione dal Brasile e dalla Bolivia, ma la terra di missione secondo il disegno del Padre celeste era un'altra: la zona industrializzata di Sesto S. Giovanni che, a differenza delle altre Zone pastorali della diocesi di Milano, non aveva un monastero di vita interamente contemplativa che testimoniasse il primato dell'Assoluto, nel servizio orante e penitente.


Dal 1983 in seguito alle ripetute domande da parte del Parroco di Paderno Dugnano, don Giovanni Invernizzi, e del Vicario Episcopale, con l'approvazione del Cardinale Martini, le nostre fraternità di Zogno e di Montello, nella preghiera e nella riflessione, maturarono la risposta per aderire al progetto divino, decidendo, nel 1985, per la fondazione in Paderno Dugnano. Con "la più ampia benedizione" del Vescovo di Bergamo, il 13 maggio 1986 sei monache professe dei monastero di Zogno e due di Montello si riunivano per dare inizio a questa nuova fraternità monastica. In seguito il 25 febbraio 2000 i tre monasteri si sono costituiti nella Federazione Maria Stella dell'Evangelizzazione.